Campi Avventura

Campi Estivi - Viaggi e campi Scuola - Vacanze Natura

scroll down

Caprarola e Lago di Vico

Sul fondo di una conca ammantata di boschi, quello di Vico è senz'altro uno dei laghi più belli del Lazio e dell'Italia centrale. Il grande valore naturalistico della sua valle ha portato nell’82 all'istituzione della Riserva Naturale, una delle prime nel Lazio che oggi dopo trenta anni ci mostra una Natura protetta, curata, accogliente e didattica, per trasmetterci la sua bellezza ed insegnarci come salvaguardarla per le generazioni future.
OBIETTIVI DIDATTICI Conoscere dal punto di vista naturalistico, geologico e storico architettonico l'area di Caprerola e la Riserva Naturale del Lago di Vico.

LA RISERVA NATURALE
Un mondo di colori, la palude dei canneti, il blu del lago, i tanti diversi colori del bosco con il faggio, l'acero, le querce, i noccioleti e castagneti da frutto, che formano un paesaggio cangiante in ogni stagione. Spettacolare è la faggeta del Monte Venere, dove possiamo abbracciare esemplari centenari con tronchi di enormi dimensioni. Anche la fauna è ricca e variegata, tante anatre ed aironi sul lago, in Foresta troviamo tracce di volpi e cinghiali, si ascoltano il tambureggiare dei picchi, Falchi di palude di giorno e gufi di notte, e poi lo Svasso Maggiore, da sempre simbolo della Riserva che in primavera ci diletta con le sue danze nuziali.

IL PALAZZO FARNESE DI CAPRAROLA
Tra i tesori della riserva figura a ben diritto il maestoso Palazzo Farnese di Caprarola, eretto nel Cinquecento su disegno prima di Antonio da Sangallo il Giovane e quindi del Vignola. Imponente nella sua forma pentagonale, fu la residenza di Alessandro Farnese, nipote del pontefice Paolo III ed è tra gli esempi più riusciti di palazzo-fortezza del nostro Rinascimento. Domina il paese disposto a gradinate lungo la dritta via centrale, che divide i due borghi curiosamente denominati Sardegna e Corsica. Da ammirare gli affreschi del piano superiore, con i paesaggi dei possedimenti di famiglia, nonché la prestigiosa Sala dei Fasti Farnesiani, quella del Mappamondo con raffigurazioni geografiche, il cortile e i giardini all'italiana.

Back to Top

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili anche di terze parti.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta il salvataggio dei cookie sul proprio dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo